Lo Sciamanesimo

Lo Sciamanesimo è la più arcaica pratica di guarigione spirituale che si può datare a più di 100 mila anni fa. E’ un sistema che utilizza stati alterati di coscienza per contattare spiriti ed entità. L’essenza dello Sciamanesimo è la visione animistica della natura, dove tutto è riconosciuto come vito, manifestazione del divino, e poiché tutti gli aspetti del cosmo sono percepiti interconnessi (l’universo è una rete di energia, vibrazione e forme), lo sciamano è riconosciuto come intermediario tra i vari piani dell’esistenza, capace di percepire ed interagire con il mondo degli spiriti, di viaggiare tra essi, consapevole della fragilità umana, delle forze energetiche che possono turbare gli equilibri.
Caratteristica di ogni cultura sciamanica è la visione “spirituale” del disagio, dove la manifestazione fisica, esterna, è solo la rappresentazione di un disagio interno, di una “frattura” interiore. Per lo sciamano, l’aspetto “spirituale” del disequilibrio è di fondamentale importanza, egli va alla ricerca, durante il “viaggio”, di un’anima persa o rapita, con riti appropriati la restituisce, cioè restituisce al soggetto l’energia vitale.
E’ la prima disciplina spirituale che conduce all’immediata conoscenza del “sacro”, è la radice dalla quale si sono sviluppate le altre discipline spirituali. Lo sciamanesimo quindi come pratica attuale, grazie alla saggezza psicologica, sociale ed ecologica che le permette di sopravvivere nella cultura tecnologica attuale.
Lo sciamanesimo parla, attraverso rituali, alla nostra essenza spirituale, per insegnarci ad ascoltare la voce interiore, per indicarci la strada della nostra realizzazione; Non un fenomeno legato a società tribali ma, una comune tradizione che è stata distrutta e che dobbiamo ripristinare, un ritorno alla nostra vera natura, un riconnetterci con il potere delle piante, degli animali, dell’universo, un percorso spirituale di evoluzione, un “viaggio” fra la realtà ordinaria e quella non ordinaria, è il ritorno ad una visione mitologica del mondo, che mostra l’incongruità dell’apparenza.

“il tuono non è più la  voce di un dio furente
ne’ il fulmine l’arma della sua vendetta.
Nessun fiume contiene uno spirito
ne’ albero è il principio vitale di un uomo,
i serpente non sono personificazione di saggezza
ne’ alcuna grotta di montagna è dimora di grande demoni.
Nessuna voce parla più all’uomo oggi,
venendo da pietre, piante o animale,
ne’ l’uomo si rivolge ad essi 
convinto che lo possono udire”
C.G. JUNG

www.nepal-shaman.com

L’Ombra nello Sciamanesimo e Mahkala Iniziazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

15 − dieci =