GUIDED IMAGERY MEDITATION

A Tribute to Gerald Epstein MD

American Institute for Mental Imagery (AIMI)Post Graduate Training School, NYGerald Epstein 

è uno degli terapeuti più famosi e apprezzati del sistema medico integrativo statunitense per la guarigione e trasformazione.
Nato negli Stati Uniti il 6 novembre 1935, dopo aver frequentato il Dickinson College e il New Medical College si specializza come medico in psichiatria prestando servizio in Stamford Hospital e Kings County Hospital approdando con merito nella New York Psycoanalitic Society. I suoi studi lo portarono a diventare un analista freudiano ma la sua intuizione nel 1974 lo spinse ad abbandonare questo orientamento per dedicarsi agli usi terapeutici della visualizzazione sotto la guida di Madame Colette Aboulker-Muscat a Gerusalemme. Questi studi lo hanno portato a diventare ben presto un pioniere nell’uso delle immagini mentali per il processo di cura di problemi fisici ed emotivi fino a diventare, grazie all’evolversi dei suoi studi nel corso degli anni, un esponente di spicco della tradizione spirituale occidentale e della sue applicazione nella guarigione e nelle terapie.
Dr. Epstein esercita come professore e assistente di Clinica di Psichiatria presso Mount Sinai Medical Center di New York City è direttore di ‘The American Institute for Mental Imagery’ (AIMI) un centro di formazione post-laurea per operatori olistici, terapisti, medici e paramedici  e organizza seminari e corsi di specializzazione in immagini, sogni e Kabbalah anche a livello mondiale; inoltre ha lanciato un programma online per l’autosviluppo ed il cambiamento di sé stessi sul sito: Creating Health Through Mental Imagery.org.
Insieme alla dott.ssa Elizabeth Barret ha fondato un programma online chiamato ‘Power Imagery Process’ (PIP) volto a sensibilizzare l’audience sul tema della crescita personale e sul cambiamento. Nel 1973 è stato co-fondatore di ‘Journal of Psychiatry and Law’ fino al 1986; nel 1980 ha curato l’edizione di studi relativi alla psicologia non-deterministica, splendidamente illustrato nel suo libro ‘Studies in non-deterministic Psychology’.Dal 1981 in seguito alle sue esperienze cliniche cominciò la stesura di numerosi libri e manuali tra cui uno in particolare divenuto un classico di consultazione e utilizzo nelle varie terapie: ‘Waking Dream Therapy’. In questo magnifico testo l’autore affronta la tematica del sogno come movimento di energia come manifestazione concreta che fluttua attraverso l’intelletto astratto e approda fino all’esperienza sensoriale: ci si sposta dalla ‘psicologia del tempo’ e si arriva alla ‘fenomenologia dello spazio astratto’ cioè si crea uno spostamento dal concetto di tempo inteso come movimento lineare (presente-passato-futuro) per arrivare ad una dimensione casuale e non deterministica in analogia con l’intuizione freudiana di ‘inconscio atemporale’ o meglio ancora al concetto di livello quantico della ‘realtà’ della psiche. Il sogno, in breve, considerato come sintesi olistica creativa a-temporale è utilmente fruibile per apportare cambiamenti utili nella vita diurna che in esso ne trova la sua simbologia diretta.
‘Dreams are the guiding words of the soul’ (C.G.Jung)             
Nel 1989 esce il masterpiece ‘Healing Visualization’ considerato meritevolmente il suo classico testo divulgativo della teoria sulla guarigione attraverso la visualizzazione attiva.
Ispirato dalla Sacra Bibbia e dalla tradizione spirituale Epstein ha scritto ‘Healing Into Immortality’ nel 1994 un altro prezioso testo relativo ai rimedi per curare la malattia nel corpo e nell’anima.
Nel 1999 viene pubblicato ‘Climbing Jacob’s Ladder’ in cui l’autore conduce il lettore attraverso un cammino esperienziale nei passi biblici per poi arrivare al traguardo della libertà spirituale diritto inconfutabile di ogni essere umano. Nel 2003 ha pubblicato ‘The Natural Laws of Self Healing’, un’opera completa di CD ad uso altamente terapeutico a favore del risveglio della consapevolezza e di rimedi di guarigione.
Atri CD-set sono disponibili e divulgati con pieno successo: ‘The Phoenic Process’, ‘Emotional Mastery’ e ‘The Secret The Secret doesn’t tell you’. Ancora, nel 2009, Espstein ha pubblicato ‘Kabbalah for Inner Peace’, un manuale di esercizi di visualizzazione per i problemi di ogni giorno,un vero prontuario da consultare in contesti di ordinaria quotidianità.
Finalmente, nel 2012, arriva la sua pubblicazione epocale, una raccolta completa ed esaustiva di pratiche di guarigioni mirate per ogni tipo di malattia: ‘Encyclopedia of Mental Imagery’.
Nel dicembre del 2014 si impone nel simposio annuale di ipnoterapia ‘Annual Symposium of the International Board of Hypnotherapy’ in Albuquerque, New Mexico. Il suo ultimo libro‘Love Trumps Death’ conferma con successo il suo innovativo percorso. Gerald Epstein ha condotto ricerche cliniche per il trattamento sull’asma attraverso terapie di visualizzazione sotto l’auspicio del National Institute of Health pubblicando i suoi lavori e i suoi risultati insieme alla sua collega Dr. Elizabeth Barret. Recentemente ha completato con successo ammirevole ricerche sulla utilizzazione delle sue terapie in ambito cardiologico in terapie antistress e in problematiche adolescenziali di vario tipo.
Il Potere dell’Immaginazione
Cos’è l’immaginazione? Per dirla in modo semplice è la capacità mentale di creare immagini. Si può ‘pensare’ in modi diversi tuttavia i cosiddetti ‘pensieri logici’, quelli che creano i presupposti per le basi scientificamente accettabili  possono essere affiancati da quelli considerati ‘non logici’ che chiamiamo ‘forme intuitive’. Quandoun problema o un quesito non trova una risposta né una soluzione, e quindi non offre una risposta, siamo in realtà armati di un modo ‘altro’ risolutivo per risolvere la questione, adoperando cioè una modalità comprensiva allargata che ci piace denominare ‘intuizione’.
Mental Imagery, come pure l’intuizione, è una attività non-logica del pensiero, è quell’attività che ci permette di entrare nella nostra più profonda realtà soggettiva. Il linguaggio delle immagini viene spesso abbinato alle attività oniriche o al sognare ‘ad occhi aperti’: durante il giorno siamo tutti a conoscenza che si può lavorare sul linguaggio dei sogni estrapolando da esso una infinità di interpretazioni e significati profondi esattamente come si può investigare sull’espressione verbale costruita dalle parole in ogni lingua. L’abilità di capire e comunicare attraverso il linguaggio delle immagini probabilmente precede l’abilità di comunicare con le parole. Le parole sono ‘ascoltate’ grazie alla capacità uditiva anche involontaria. Il linguaggio delle immagini, invece, richiede la nostra attenzione volontaria. Il dr. Epstein asserisce che il cambiamento della qualità e della natura delle immagini che noi produciamo provoca un reale cambiamento nel corpo umano, quindi gli effetti della produzione di immagini è strettamente correlata all’effetto fisico vero e proprio. Per secoli la medicina ha separato il corpo dalla mente, anche se dall’antichità ci perviene l’asserzione ‘mens sana in corpore sano’: per troppo tempo non si è considerato l’aspetto più genuinamente umano dell’uomo nel tentativo di guarirlo dalle malattie, cioè la sua profondità invisibile. Molti studi sull’ipnosi hanno ampiamente dimostrato l’impatto dello stato mentale sul piano fisico e chiunque può facilmente testimoniare come ci si sente fisicamente dopo aver navigato in acque mentali agitate e disarmoniche!
Rimedi chimici come antidepressivi, tranquillanti e anestetici che abbondano negli scaffali farmaceutici dimostrano come, a tutt’oggi, la medicina tradizionale occidentale è riluttante ad accettare il concetto che la mente possa alterare il corpo rimanendo di sostanza nell’orientamento inverso, cioè che l’effetto fisico determina l’effetto sul piano mentale. Ovviamente il corpo può alterare il sistema mentale, ma si può usare il potere mentale (la volontà o l’immaginazione) per guarire, armonizzare e migliorare il nostro stato di salute e benessere.
Nella sua lunga esperienza clinica, come medico e come ricercatore appassionato, Epstein ha sperimentato e abbondantemente documentato come il potere della Mental Imagery abbia apportato reali guarigioni fisiche: artriti, cisti, carcinomi, emorroidi congiuntiviti e moltissime altre svariate sintomatologie, dalle più banali alle più drammaticamente pericolose. Molto risonanti le guarigioni dai tumori terminali, trattati dapprima con chemioterapie senza risultati apprezzabili e risolte con esercizi mirati di visualizzazione (registrati in Memorial Cancer Sloan-Kettering Center in NY). Sono in visualizzazione pubblica due riviste che registrano e documentano i risultati del suo lavoro: The Journal of Mental Imagery – Marquette University – e Imagination, Cognition and Personality – Yale University.
L’uso terapeutico della visualizzazione è esistito in molte culture nel mondo, ad esempio in Tibet, India, Africa, fra Esquimesi e Indiani d’America: per millenni e secondo le loro tradizioni, rituali e procedure di visualizzazione venivano usate come rimedi di guarigione. 
Sigmund Freud spalanca in Europa la porta al concetto dell’inconscio, Robert Desoille sul sogno da svegli, Carl Jung elabora il concetto di immaginazione attiva, Hanscarl Leuner introduce l’immaginazione guidata e Roberto Assagioli approda alla psicosintesi: il loro denominatore comune risiede nella possibilità reale di trattare problemi fisici attraverso l’utilizzo della Mental Imagery.
Epstein propone degli ‘esercizi’ mirati e specifici per ogni tipo di problema, sia esso fisico, psicologico oppure emotivo. Non invade la pertinenza medica ortodossa ma offre un approccio ‘altro’ e decisamente meno invasivo per la risoluzione definitiva delle cause che generano lo squilibrio. Si tratta di un approccio e un metodo ‘addizionale’ come lui stesso ama definirlo, dove il paziente entra in assoluta parte ‘attiva’ e partecipa volontariamente in prima persona su se stesso.
 Si tratta di esercizi, inizialmente pilotati, dove il paziente è parte attiva e fattiva e sarà in grado di attivare il processo di autoguarigione. Gli esercizi proposti generano nuove sensazioni, nuove esperienze interiori: si esce fuori dal tracciato di reazioni ai malesseri e ripetizione del già vissuto che hanno in realtà portato allo squilibrio e quindi alla malattia. Si crea una immagine mirata ex novo: si crea, in senso letterario del termine, una nuova realtà interiore. Epstein si muove su un terreno fattivo e utilizza la sua meravigliosa terapia dell’immaginazione, o visualizzazione attiva, a servizio diretto e concreto a favore dell’uomo.
‘Imagery is a tool for healing, and a bridge to the inner world’ 
(G.Epstein)

Con amorevole e immensa gratitudine al mio insegnante e amico Gerald,scomparso da questa dimensione il 18 Febbraio 2019 in NYforever & more with us! 

Dr. Monica Di Nunzio Doctor of Science in NaturopathyGuided Imagery Meditation TherapistAmerican Institute for Mental Imagery (AIMI)Post Graduate Training School, NY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

otto + 5 =